Cosa vedere a Castellón de la Plana, città spagnola

0

Visitando la Spagna si scoprono città favolose come Valencia o Barcellona. Queste sono le mete turistiche più gettonate insieme a Madrid (capitale del Paese), Siviglia e molte altre.

Oggi però andiamo a vedere un’altra città di grande bellezza, ovvero Castellón de la Plana! Una località turistica dove abitano oltre 170 mila persone. Non troppo distante da Valencia (solamente 70 km), Castellón si affaccia proprio sul Mediterraneo.

E’ una nota città da scoprire in qualunque periodo dell’anno. Il suo centro storico è molto affascinante. Mentre durante l’estate Castellón si tramuta in una calamita per i turisti che vogliono godersi appunto il mare nelle spiagge spagnole.

Le attrazioni di questa città non sono poche, infatti sono presenti diversi musei oltre che edifici storici. Adesso parleremo un po’ di cosa vedere a Castellón de la Plana. Quindi possiamo iniziare con l’elenco.

Cosa vedere a Castellón

La Concattedrale di Santa Maria della città di Castellón si trova in prossimità del municipio, dove c’è la piazza maggiore. L’aspetto originario è quello in stile gotico valenzano, mentre successivamente ha subito delle modifiche che gli hanno reso anche lo stile neogotico. Verso la fine del secolo XIII iniziarono i lavori della Concattedrale o come la chiamano in valenciano “Cocatedral de Santa Maria”. Non ebbe una buona sorte questa costruzione visto che ci fu un grande incendio che la distrusse. Molto tempo dopo vennero cominciati i lavori per riportare allo splendore questa bellissima opera. Si tratta senza ombra di dubbio di una costruzione di grande importanza per la città qui presente. Ricordiamo che nel 1931 venne dichiarata “Monumento Nazionale Storico-Artistico“. Pochi anni dopo subì un altro incendio più l’imminente demolizione, infine venne nuovamente ricostruita (seguendo un vecchio tempio). E’ comunque bellissima da vedere e inoltre rappresenta una lungo passato.

Un’altra attrazione della città (e da non perdere) è El Fadrí, un’antica torre campanaria nonché simbolo di Castellón. Rimane vicina alla Concattedrale di cui abbiamo appena parlato. Si dimostra piuttosto alta guardandosi intorno (60 metri circa), presenta una base a forma ottagonale. Risale in data 1591-1604, anche se i primi lavori ci portano al 1440.

Come detto in precedenza Castellón è ricca di musei, qui si trovano il Museo della ceramica, il Museo etnologico, il Museo della Storia Militare e molti altri. Per un tour alla scoperta della storia, della cultura e non solo basta spendere un po’ del proprio tempo in questa città.

Sempre per rimanere sugli edifici storici di questa località, ricordiamo il Palazzo Municipale (Palacio Municipal) di Castellón, il quale nel 1687 fu iniziata la sua costruzione. Il periodo dell’inaugurazione ci porta al lontano 1716. Dunque un altro pezzo di storia per questo posto appartenente alla Comunità Autonoma Valenciana.

Come altre costruzioni ci sono da considerare la Ermita de San Nicolás de Bari (datata al 1535), ancor più antica la Ermita de San Jaime de Pradell (risalente al 1173), la Chiesa di Sant Roc de Canet (anno 1652) e molte altre.