Cornello dei Tasso, cosa vedere in questo borgo lombardo!

Cornello dei Tasso è uno dei borghi medievali più belli dell’intera regione Lombardia. Non è possibile arrivarci in macchina ma solo a piedi. Le strade che ci portano in questo borgo, fazione del comune di Camerata Cornello, sono due. Il primo sentiero parte proprio da Camerata Cornello. Il secondo dal nucleo di Oneta, la Via Mercatorum.

Occorrono circa due chilometri per arrivarci ma ne vale davvero la pena! Tant’è che è stato inserito tra i borghi più belli d’Italia.

Cosa vedere a Cornello dei Tasso?

A Cornello dei Tasso non mancano certo le attrazioni. Certo, un tipo di divertimento non apprezzato da tutti ma, chi ama i borghi medievali e vuole passare una bella giornata, dovrebbe proprio valutare un giro per i borghi lombardi, in particolare Cornello dei Tasso. Sono solo 35 le persone che ci abitano e le sue antiche case sono costruite a 800 metri di altitudine.

Qui potete fare un giro al Museo dei Tasso e della Storia Postale. E’ dedicato alle attività della famiglia Tasso e come forse avete immaginato Cornello legò il suo nome a quello della famiglia in questione.

Una famiglia conosciuta in tutto il mondo. I motivi tra le altre cose sono moltrplici. C’è Torquato Tasso, noto poeta. Ma la famiglia nel cinquecento, iniziò a gestire le poste dell’impero degli Asrburgo.

Ciò che affascina di questo luogo che sembra esser restato invariato nonostante lo scorrere del tempo, è proprio la sua integrità. Ancora ci sono le casette medievali, le strade antiche. Un tempo è stato per i mercanti un luogo dove fermarsi per riposarsi, prima di riprendere il loro viaggio.

Risale alla fine del 1100 e si è conservato perfettamente. Noi vi consigliamo di passeggiare per i porticati della via Mercatorum, per circa 150 metri.. Si trovano in via Mercatorum, la quale andava a unire i Cantoni Svizzeri con Valtellina.

C’è il palazzo dei Tasso da vedere. Iniziarono a vivere in questa dimora nel XIII secolo. Purtroppo ne è rimasto ben poco. Si può comunque comprendere la sua antica posizione e il suo ruolo di supervisore.

Il museo dedicato alla famiglia che come abbiamo accennato creò il moderno sistema postale, è ad accesso libero e gratuito. Il borgo ancora oggi vanta una bella ricchezza per quanto riguarda i documenti. Ci sono carte geografiche, telefoni, telegrafi e francobolli.

Infine vi consigliamo di vedere la Chiesa Parrocchiale, la quale è stata dedicata ai santi Cipriano e Cornelio. La troviamo nella zona alta del paese ed è stata costruita nel XII secolo. Conserva moltissimi affreschi, alcuni che interessano le gesta dei Santi.

Se vi piacciono i borghi la Lombardia ne è ricca, perciò vi consigliamo di visitarli se avete intenzione di restarci alcuni giorni o ci vivete.

Noi vi consigliamo borghi come Bienno, Cassinetta di Lugagnano, Castellaro Lagusello, Castelponzone, Fortunago, Gardone Riviera, Gradella, Grazie, Gromo, Lovere, Morimondo, Pomponesco, Sabbioneta, San Benedetto Po, Soncino, Tremezzina, Tremosine sul Garda, Zavattarello.