Monterosso Almo, cosa vedere in questo borgo di Ragusa

La località di cui andiamo a parlare oggi appartiene al circuito “I borghi più belli d’Italia”, ci riferiamo a Monterosso Almo un comune siciliano di oltre 3.000 abitanti! In provincia di Ragusa, rimane a circa 163 chilometri da Agrigento, quest’ultima altra grande destinazione da vedere sull’isola della Sicilia.

Monterosso Almo è posizionato sui Monti Iblei, infatti non rimane lontano dalla cima del Monte Lauro (il quale sfiora i 990 metri d’altezza). Storia e cultura circondano queste terre e chi visita questo comune durante una vacanza può rimanerne solamente meravigliato. Cosa vedere a Monterosso Almo, sveliamo alcune delle sue attrazioni degne di nota.

Monterosso Almo: cosa vedere

Scoprendo Monterosso Almo, cominciamo dal Parco forestale Calaforno. Successivamente abbiamo riportato altre cose da vedere, quindi rimaniamo comodi e iniziamo la lettura.

Il Parco forestale Calaforno

Gli amanti della natura possono visitare il Parco forestale Calaforno e rimanere piacevolmente meravigliati dall’area boschiva presente. Ha un’altitudine di 600 metri circa, si trova questa bellezza dove rilassarsi e passeggiare respirando aria incontaminata. Una zona che oggi si può considerare polmone verde del luogo. Visitabile in bicicletta oppure a piedi, questo parco ospita varie specie animali e vegetali. Non è di certo una zona da lasciarsi sfuggire quando si programma qualche giorno a Monterosso Almo. Assolutamente da vedere la grotta di Calaforno, un’antica necropoli!

Basilica di San Giovanni Battista

La Chiesa di San Giovanni Battista è un edificio religioso antico, di cui non si hanno informazioni certe sul periodo di nascita. È stata rimaneggiata e sopratutto ricostruita dato che venne colpita da un forte terremoto (anno 1693). Attualmente questa costruzione dispone di 3 navate. Molto bella da vedere, di grande importanza per questo luogo. Al suo interno viene conservata la statua di Santa Maria dei Pericoli, risalente al 1741.

Eventi

In questo comune si possono trascorrere piacevoli giornate, sopratutto quando sono organizzati alcuni degli eventi locali. Programmando la vacanza è possibile far incidere i giorni di permanenza con le feste e tradizioni di Monterosso Almo. Cominciamo dal 17 gennaio, quando viene organizzata la festa in onore di Sant’Antonio Abate (prevede anche uno spettacolo pirotecnico). Molto bello il “presepe vivente”, il quale ha luogo dal 26 al 28 dicembre oltre che alcuni dei primi giorni di gennaio. Anche nel periodo pasquale si possono scoprire alcune giornate molto carine come la “festa in onore dell’Addolorata” (il martedì passata la Pasqua), oppure la “sagra dei cavati” messa in atto il 3° sabato sempre dopo Pasqua.

L’intera zona deve la sua economia all’allevamento e l’agricoltura. Sono presenti alimenti sani e genuini, ma sopratutto golosi anche per i palati più raffinati. La frutta e i prodotti di salumeria, come i formaggi sono ottimi e piuttosto vari. Qui a Monterosso Almo ci si dedica al trekking oltre che a gustare la buona tavola. Ovviamente essendo in Sicilia si può prendere l’occasione per scoprire altre destinazioni turistiche, le sue città e i borghi sono tanti e tutti da vedere.