Cosa vedere a Neive, borgo italiano!

Neive è un bellissimo comune del nostro Paese ed è situato nelle Langhe (provincia di Cuneo).

Per coloro che non lo sapessero le Langhe sono una regione storica presente nel Piemonte.Proseguiamo dando alcune informazioni su Neive.

Il centro storico di Neive è tutto da scoprire, pensate che presenta anche un impianto medievale. Questo borgo è ricco di storia, inoltre possiede vini squisiti e ancora oggi ne vengono prodotte alcune tipologie. Passeggiate per le stradine acciottolate, visitate antiche strutture e dopo una giornata trascorsa in questa terra, godevi tutte le specialità enogastronomiche.

Tra le molte cose da vedere a Neive rientra la casa Cotto. Una delle dimore più datate presenti.

Occupava il ruolo di casa-forte, ed era di proprietà di alcuni banchieri (una famiglia molto ricca).

Oggi se pianificate una vacanza in questo borgo, potete vedere la torre quadrangolare, l’ultima parte rimasta del vecchio castello fortificato. Quest’ultimo distrutto nel 1276. La Torre del Monastero è una costruzione che risale al X secolo e naturalmente è da includere nel tour quando siete a Neive. Che dire invece delle cappelle cinquecentesche, ossia la San Sebastiano e la San Rocco. La chiesa dell’Arciconfraternita di San Michele ultimata nel 1789 circa. Questa è un’attrazione notevole da catturare attraverso gli scatti della vostra macchina fotografica. Presenta uno stile barocco sabaudo.

Neive (come è già stato detto) è chiamata anche la terra di vini. Per gli amanti del vino è sicuramente una località da visitare. Potete gustare svariati prodotti. Qui sono realizzati il Moscato d’Asti, il Barbaresco, il Dolcetto d’Alba e il Barbera d’Alba. I peccati di gola si concentrano anche sulla carne e gli insaccati, lo stesso vale per i formaggi locali.

Come cucina Neive riesce a sorprendere grazie alla qualità e la varietà degli ingredienti utilizzati.

Il baccalà per esempio è sublime, viene accompagnato con spezie e altri prodotti tipici della terra in questione. Da provare come primo piatto i maccheroni patate e funghi, oppure la bagna cauda. Quest’ultima prevede l’aglio come base e altri ingredienti tra cui le acciughe.

Praticamente capiterete sempre bene, sia se siete interessati alla storia e le antiche architetture, sia per quanto riguarda la tavola o le passeggiate/escursioni. Le aziende vinicole godono di prodotti eccellenti, i quali spesso è possibile gustarli in dimore signorili. Quindi un’esperienza veramente incantevole questo è certo. Prendiamo d’esempio il Palazzo dei Conti di Castelborgo. Struttura settecentesca, grande che presenta anche una cantina d’epoca. Da non perdere assolutamente i Giardini dei Conti di Castelborgo. Naturalmente sono posti davanti al palazzo dei Castelborgo.

Storia dei Neive

Nel 100 a.C era un insediamento romano ma successivamente fu anch’esso vittima delle invasioni barbariche. Verso l’anno mille sul colle più alto venne costruito un castello fortificato che permetteva di difendersi dai Saraceni.

Dalla parte sinistra del torrente Tinella, dove vi erano i resti di un tempio di Diana, venne realizzato un monastero di monaci benedettini che ne ospitava più di 100. Nel 1200 era conteso dalla città di Asti, insieme a lei però passò proprio sotto il dominio dei Visconti per oltre 100 anni, successivamente al Re di Francia e infine ai Savoia.