Cosa vedere a Sperlinga, dal castello alla zona circostante

0

Il bellissimo borgo di Sperlinga si trova in Sicilia. Questo comune italiano in provincia di Enna si trova in Sicilia. E’ entrato a far parte del circuito dei borghi più belli d’Italia. A livello geografico si trova proprio tra i monti Madonie e Nebrodi. Dista dall’Enna di circa 47 chilometri. La sua peculiarità è quella di essere scavata in una mole d’arenaria. Infatti il nome Sperlinga deriva dal greco e vuol dire grotta. Un territorio caratterizzato infatti da tantissime grotte e sono loro a rendere molto più suggestivo l’ambiente.

Il castello di Sperlinga, una meta da non perdere!

Il castello di Sperlinga è una di quelle mete da non perdere assolutamente. Si tratta di un castello rupestre che in parte venne scavato nella roccia. Domina su questo bel borgo. Il castello è stato ricavato da un solo monolite, proprio sopra a delle grotte sacre risalenti a 4.000 anni fa.

Il basamento venne strutturato da alcune popolazioni indigene locali. Le grotte presenti nelle rocce venivano utilizzate come dei sepolcri, per essere poi adibite all’uso di abitazioni durante il periodo storico bizantino e quello saraceno.

L’edificazione iniziò tra il XI e il XII secolo, sotto stretto controllo nei normanni. Fu eretto su quelle che erano delle rovine arabe. I primi documenti della sua esistenza, insieme a quella del borgo di Sperlinga, risalgono al 1080.

Questo castello è un luogo considerato magico per via del misticismo che emana. Ogni singola decorazione racconta qualcosa, sta a simboleggiare eventi e leggende. Tante le storie poi sul castello.

Castello certo, ma in parte potrebbe essere definito una fortezza. Possiede il ponte levatoio, le torri di avvistamento e anche le prigioni. E’ uno dei castelli più belli della Sicilia e secondo alcuni punti di vista, dell’Europa. E’ diventato famoso proprio per alcune vicende legate ai Vespri Siciliani, rivolta popolare che ebbe luogo a Palermo nel 1282. Il popolo si ribellò alla dinastia francese degli aragonesi perché assumeva comportamenti molto crudeli e aveva una politica fiscale opprimente.

Nel castello di Sperlinga si rifugiò una guarnigione dei francesi e un gruppo di siciliani. Il castello sopravvisse agli assalti per ben 13 mesi.

Eventi e tradizioni

Il 16 agosto si tiene la Sagra del Tortone e anche l’Elezione della Dama dei Castelli. La torta è un dolce locale. Si svolge proprio nello spazio vicino al castello di Sperlinga. E’ dal 1982 che viene portata avanti questa tradizione, a partire dal settimo centenario dei Vespri siciliani. Questo dolce locale è prodotto con farina impastata e ovviamente lievitata, con l’olio di oliva e anche lo zucchero.

Questo borgo resta comunque uno di quei posti dove le produzioni artigianali sono importanti, ancora oggi vive e capaci di attirare turismo (specialmente gastronomico!). Qui potete trovare tappeti tessuti a mano sugli antichi telai in legno. Produce olive, agrumi, formaggi e grano di altissima qualità. Per non parlare poi dell’allevamento biologico di ovini e bovini, con tutti i prodotti derivati. Durante la fiera del Bestiame che si tiene a giugno, agosto e settembre è possibile trovare questi prodotti.

Tra i dolci tipici di Sperlinga ci sono la cassata, il dolce con la pasta del pane fritto in olio e arricchito con la cannella.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here